Dozza

Il territorio dozzese, già abitato in epoca celtica e romana, fu colpito dalle invasioni di popolazioni barbariche (germaniche e in particolare longobarde), che invasero tutte le terre di Romagna. Alla metà del VI secolo Dozza venne ricompresa nei territori dell’Esarcato d’Italia, ovvero dei territori bizantini d’Italia, trovandosi sul confine con i possedimenti longobardi. Tramontato l’Esarcato alla metà dell’VIII secolo, furono i Carolingi a prendere possesso degli ex possedimenti bizantini. Essi donarono alla Chiesa imolese il possesso della collina sulla quale venne eretto l’abitato. Verso il 1150 Dozza divenne libero Comune. Tra il 1151 e il 1182 il capitolo della cattedrale di San Cassiano risiedette a Dozza a causa della distruzione di Castrum Sancti Cassiani, allora sede episcopale, da parte degli imolesi. Nella Descriptio Provinciae Romandiolae (un censimento fiscale del 1371) sono elencate le località dipendenti dal comune di Dozza. Esse sono (si riproduce il testo in latino): Casali, Montis Catonis, Flagnani, Corvarie, Mazumoli, Montis Moriteni, Sassignoli, Belvederis, Plancandoli. Vicende alterne hanno interessato il dominio della rocca e del borgo, passato più volte di mano in mano fra le potenti famiglie bolognesi e imolesi. Nel 1412 Dozza diviene feudo della famiglia imolese degli Alidosi, che poco dopo cedette il borgo alla famiglia Riario. Da ricordare il quinquennio di Caterina Sforza, moglie di Girolamo Riario, che tenne il feudo dal 1494 al 1499. Fu Caterina a dotare Dozza della rocca e delle mura difensive che la circondano ancora oggi. Dopo il breve dominio di Cesare Borgia (che in pochi anni annesse ai suoi domini tutta la Romagna), Dozza ritornò allo Stato della Chiesa. Nel 1528 papa Clemente VII concesse Dozza in feudo alla famiglia Malvezzi di Bologna e nel 1531 al cardinale Lorenzo Campeggi. Nel 1728 cessò l’infeudazione della famiglia Campeggi; la Santa Sede assegnò il feudo di Dozza a Emilio Malvezzi (1688-1767) nipote ex sorore del cardinal Campeggi. Gli vennero conferiti i titoli di: marchese della terra e del castello di Dozza, conte palatino di Toscanella e della Pianta. Giacomo Malvezzi, figlio di Emilio (1716-1806) fu l’ultimo marchese di Dozza: nel 1797 i francesi invasero la Legazione di Romagna e abrogarono i poteri feudali. Dopo la parentesi napoleonica, Dozza venne inserita nella nuova Legazione di Ravenna.
Con la fine del dominio pontificio, il Governatore delle «Provincie provvisorie» Luigi Carlo Farini, il 27 dicembre 1859, ridefinì le circoscrizioni territoriali aggregando il Comune di Dozza alla circoscrizione di Bologna. Al termine della seconda guerra mondiale, con lo sfondamento della Linea Gotica, Dozza fu teatro di alcuni scontri tra le forze alleate, sotto il cui comando operava il gruppo di combattimento “Folgore”, e le truppe tedesche in ritirata. La sede comunale è situata nel borgo medioevale ma il principale centro residenziale e industriale è Toscanella, frazione che si sviluppa sulla via Emilia. La denominazione allude al fatto che, da questa località, partono strade che valicano l’Appennino e consentono di raggiungere la Toscana.

https://it.wikipedia.org/wiki/Dozza

 

 
 
 

La Rocca Malvezzi-Campeggi , conosciuta anche come Rocca Sforzesca di Dozza , o semplicemente Rocca di Dozza , è un castello medievale nella città di Dozza , nella regione dell’Emilia Romagna , in Italia.

La struttura generale dell’attuale struttura fu probabilmente costruita nel 13 ° secolo in cima a fondamenta più antiche. Tuttavia, dopo numerose guerre, è stato ricostruito nel corso degli anni.

Lo schema principale che vediamo nel 2015 risale alla fine del XV secolo, quando Caterina Sforza , figlia del duca di Milano e moglie di Girolamo Riario , commissionò la ristrutturazione all’architetto Giorgio Marchesi . Riario era il nipote di papa Sisto IV . Marchesi, con l’aiuto di alcuni degli ingegneri militari che lavoravano per gli Sforza, aiutò a progettare le torri difensive, il fossato e i merli.

Nel 1500 il castello fu concesso da papa Clemente VII al cardinale Lorenzo Campeggi . Ha convertito il castello in una residenza, coprendo il cortile e creando logge aperte. Nel 1728, con la scomparsa di Lorenzo Campeggi, l’ultimo erede maschio dei Campeggi, il castello passò alla Francesca Maria Capeggi, sposata con Matteo Malvezzi. Il loro figlio, portò avanti il ​​nome di Malvezzi-Campeggi. Nel 1798, l’occupazione napoleonica della regione abolì i domini feudali, ma il castello rimase nelle mani della famiglia fino al 1960.

Nel 1960 il castello-palazzo fu acquisito dal Comune. La sala principale conserva ancora ritratti di Malvezzi e arazzi con lo stemma di famiglia. Il castello ha un ritratto della famiglia Campeggi di Lorenzo Pasinelli .

Il castello è ora utilizzato dal comune per mostre, compresa la loro collezione donata da Norma Mascellani e alcuni degli artisti che hanno partecipato al festival biennale del Muro Dipinto . Le cantine sponsorizzano un’Enoteca regionale per l’Emilia-Romagna. 

https://en.wikipedia.org/wiki/Dozza_Castle

Fondazione
Dozza Città d’Arte
Piazza della Rocca
Rocca Sforzesca di Dozza
40060 Dozza (BO)
Tel e fax 0542 678240
rocca@comune.dozza.bo.it 
www.fondazionedozza.it
www.comune.dozza.bo.it